Non mi sono fatto più vivo perché in questo periodo sono stato spiazzato molto dagli eventi.

E’ la prima volta nei miei settant’anni di vita che il fascismo governa affiancandosi a un movimento caotico dove un centro destrismo e un coacervo di “scappati di casa” che qualche volta esprimono idee progressiste (leggi M5S) governa l’Italia. Credevo che i miei genitori avessero sconfitto definitivamente il fascismo e invece torna tronfio e selfistico non solo in Salvini, ma anche in tutta una serie di nati negli anni 70. Alcuni di questi come il vecchio Mussolini hanno origine tra i socialisti, tra i rivoluzionari. Poi un po’ perchè la Rivoluzione fallisce, un po’ perchè i “padroni” sovvenzionano il movimento di Benito il buon maestro romagnolo decide di difendere il nuovo che avanza. cioé i nuovi industriali e si affida agli arditi e diventa il fascismo che usava manganello, assassini, il sacro fuoco che tutto brucia e purifica per dare una lezione ai rivoluzionari, nel 38 ci saranno le leggi razziali…Io nasco dieci anni dopo, quando cioé tutto sembrava ormai finito, quando la santa Yalta aveva diviso il mondo in due parti e si stava o con gli Usa o con l’Urss. Noi eravamo in mezzo, avevavmo la DC e il Psdi che ricevevano denari dagli Usa e il Pci di Togliatti che riceveva i soldi dall’Urss. L’oriente era di là da venire anche perchè sempre gli americani avevano portato là la loro dottrina democratica bombardando con l’atomica Hiroshima e Nagasaki. Poi caduto il muro di Berlino nel 1989 tutto è cambiato. L’Urss è sparito (la Russia no), la Cina è diventata una potenza, i paesi europei hanno deciso di unirsi per contrastare  le potenze nascenti (Cina) e quelle morenti (Usa e Urss). In Europa qualcuno ha cominciato a dire”Ma chi ce lo fa fare di creare una federazione di Stat, se ciascuno di noi si coltivasse il suo orticello (leggi ogni macroregione si facesse la sua economia) ce ne staremmo tranquilli mentre gli altri si scannano per i profitti, ma pensiamo anoi!” è nato il pensiero debole e la decrscita felice, il non plus ultra del pensiero piccolo borghese nano. Non è il pensiero fascista perché lui il ascismo pensa in grande rivendica l’italianità, la virilità, la violenza sola igiene del mondo, “che colpa abbiamo noi se il neger muore di fame? che Crepi a casa sua e ci lasci in pace!” “Se viene qui ci porta via il lavoro, già ce n’é poco per noi, ci mancano anche loro!”

Ebbene ha vinto questo pensiero. Fascisti (per fascisti intendo Fratelli d’Italia, Lega e parte di Forza Italia) e fautori del pensiero piccolo borghese (5 Stelle) si sono coalizzati contro le Caste teorizzate da Stella. In questo questi signori ricordano i fascisti entrambi. Il mondo ricomincia da Benito dalla lotta populista contro le Caste che sono secondo loro le lobbies che dominano il mondo impoverendo il popolo. Da adesso dovrò fare tabula rasa di quello che è stato il mio pensiero politico e ripartire da qui, scusandomi con mio padre che ha combattuto invano!.